39° Convegno nazionale Mpv-Cav. Cuore a Cuore: “Il Movimento per la Vita chiede che le competenze materne vengano riconosciute nel profilo curricolare”

0
331

Io porto nel mio grembo un mondo in movimento”. (Cécile Sauvage, L’anima in boccio)

Cuore a Cuore è la nuova iniziativa “al femminile” che il Movimento per la Vita Italiano-MpVI ha lanciato con il Convegno dei Movimenti e dei Centri di Aiuto alla Vita, che si è concluso oggi a Montesilvano (PE).

Questa campagna culturale è stata illustrata da Marina Casini, Presidente MpV italiano, insieme a una parte dell’equipe di Cuore a Cuore: Liliana Brunno, Patrizia Ciaburro, Maria Luisa Di Pietro, Greta Gregoratti, Elisabetta Pittino, Maria Pia Sacchi. In apertura di convegno Monica Mondo, nota presentatrice televisiva (in video) Beatrice Bocci, Maria Luisa di Pietro e Maria Pia Sacchi hanno sottolineato l’innato coraggio femminile ad accogliere e a riconoscere l’altro, il diverso per eccezione, il figlio, uno di noi.

Primato della donna in ordine al rapporto con la vita, privilegio femminile del Cuore a Cuore, cioè dello stare 9 mesi nell’abbraccio più intimo di tutta la vita tra madre e figlio, sono solo alcuni dei punti evidenziati.

Da qui varie richieste, una in particolare: che le competenze materne vengano riconosciute nel profilo curricolare.

A poco a poco, nei mesi prossimi, quelli necessari al bambino embrione per venire alla luce, verranno svelate le azioni di Cuore a Cuore.

La prima azione è un documento, “Cuore a cuore in movimento…” che verrà presentato a breve e inviato soprattutto ai politici e alle istituzioni.

Il colloquio con il figlio nel grembo “è un incanto”, una poesia che dona alla donna “una sensibilità speciale anche nei confronti del mondo” ha spiegato Maria Pia Sacchi, già docente di letteratura all’Università di Pavia, mentre la Maria Luisa di Pietro dell’Università Cattolica di Roma ha ricordato che “il citoplasma delle nostre cellule viene dalla mamma, quindi dentro di noi c’è la mamma sempre!”.

Mi sembra molto bella e coraggiosa la scelta di Cuore a Cuore perché il cuore mette insieme anche la ragione, è un legame viscerale ma molto intelligente: intus legere, leggere dentro, comprendere, prendere insieme, cioè tutto quanto di noi è preso insieme in questa storia” secondo Monica Mondo.

Beatrice Bozzi, presentatrice, attrice, conduttrice e moglie di Alessandro Greco, madre di due figli, ha “sentito la pienezza” quando è rimasta incinta per la prima volta a vent’anni: nonostante le sue “tante incertezze questa nuova vita” le “ha dato forza, un coraggio nuovo, in un momento non facile, di smarrimento”.

E allora via a Cuore a Cuore!